Come ottimizzare un computer in modo rapido e gratuito

Con il passare del tempo tutti i computer accusano un calo di prestazioni, questo accade perché i sistemi operativi tendono ad accumulare delle “scorie” che gli impediscono di lavorare al meglio. A questo link trovate una guida per occuparvi della pulizia esterna del computer. In questo articolo vedremo invece come fare a ottimizzare il vostro computer con sistema Windows per aiutarlo a tornare rapido e reattivo.

Software che promettono di velocizzare il vostro PC

Ottimizzare l’avvio del sistema operativo

Verificare di avere driver funzionanti e aggiornati

Aggiornamenti: un po’ di pazienza

Software antivirus: quale usare?

Evitate i software che promettono di velocizzare il vostro PC

Spesso gli utenti meno esperti, notando un rallentamento del computer, finiscono per installare software che promettono di velocizzarlo. Sono suite molto pubblicizzate ma, nella nostra esperienza, vanno decisamente evitate: nella migliore delle ipotesi non daranno alcun giovamento, nella peggiore, ma molto frequente, rallenteranno ulteriormente il vostro computer o vi introdurranno elementi nocivi. Purtroppo non esistono software miracolosi che trasformeranno il computer in una scheggia, esistono però alcuni accorgimenti che possono migliorare la situazione. Vediamo quali sono.

Ottimizzare l’avvio del sistema operativo

Se il vostro computer inizia a rallentare o ci mette molto ad avviarsi una cosa che potete fare è “alleggerire” la fase d’avvio. Per prima cosa digitate “configurazione di sistema” sulla barra di ricerca di Windows (quella in basso a sinistra accanto allo Start) e aprite la relativa app. Vi comparirà una finestra come quella in foto.

Cliccate sulla tab “Servizi” e assicuratevi che sia spuntata l’opzione in basso a sinistra “Nascondi tutti i servizi Microsoft” (questo è importante per evitare di disabilitare servizi essenziali per l’avvio del sistema operativo). A questo punto cliccate su “Disabilita tutto” e riavviate il PC se richiesto.

Una volta riavviato il computer digitate “gestione attività” sulla barra di ricerca di Windows e aprite la app. Cliccate ora sulla tab “avvio” e noterete un elenco delle app che si avviano automaticamente. Anche qui disabilitate tutto e poi chiudete.

Queste due operazioni non impediranno ai relativi servizi di funzionare in caso di necessità, eviteranno semplicemente che vengano caricati all’avvio di Windows.

Verificare di avere driver funzionanti e aggiornati

I driver, detto molto semplicemente, sono dei software che permettono al sistema operativo di “pilotare” le periferiche hardware (le componenti fisiche del vostro computer). Un driver non aggiornato può causare rallentamenti o, in alcuni casi, anche le tanto temute schermate blu (Blue Screen Of Death, o BSOD, in inglese). È quindi utile verificare che i driver del vostro computer siano a posto. Per farlo cliccate col tasto destro su Start di Windows e aprite “Gestione Dispositivi”. Se la finestra che appare è simile a quella della foto in basso significa che i vostri driver sono aggiornati e funzionanti. Se invece notate dei piccoli triangoli gialli con un punto esclamativo vuol dire che il driver corrispondente non è installato o non sta funzionando correttamente ed andrà quindi aggiornato.

Aggiornamenti: un po’ di pazienza

Può essere noioso dover aspettare che il computer installi gli aggiornamenti, ma è importante lasciarglieli fare perché servono a migliorare la funzionalità e, soprattutto, la sicurezza del vostro computer. Se non volete rischiare di dover interrompere quel che state facendo a causa di un aggiornamento vi basterà impostare Windows Update in modo che lavori in degli orari prefissati (ad esempio di notte). Per farlo cliccate su “Start”, “Opzioni” e “Aggiornamento e sicurezza”, a questo punto scorrete in basso e troverete disponibili alcune opzioni come “Sospendi aggiornamenti per 7 giorni” e “Cambia orario di attività”. Regolate le preferenze a seconda delle vostre esigenze e non dovrete più preoccuparvi di dover riavviare il computer quando avete bisogno di usarlo.

Spesso i nostri clienti si lamentano di problemi nati in seguito all’installazione di aggiornamenti, questo in effetti può succedere, in particolare quando riguardano un driver, ma è comunque piuttosto raro. La maggior parte delle volte che sorgono problemi, questi sono legati a due casi. Nel primo caso il computer viene spento durante l’installazione degli aggiornamenti, nel secondo è presente un antivirus non Microsoft. Quando il vostro computer vi dice che sta installando degli aggiornamenti, lasciatelo fare e assicuratevi che non si spenga durante il procedimento. Se avete un antivirus di terze parti dovete invece disabilitarlo prima di effettuare l’installazione. Quest’ultima operazione è molto importante: è successo più di qualche volta che un computer non si riavviasse dopo l’installazione di aggiornamenti proprio a causa di software antivirus che interferivano con l’installazione.

Software antivirus: quale usare?

Le ultime versioni di Windows includono Windows Defender. È un antivirus gratuito, si aggiorna da solo e fa le stesse cose che fanno gli altri antivirus, col vantaggio di essere perfettamente integrato al sistema operativo. Ciò significa che non rallenterà il vostro computer e non darà problemi durante gli aggiornamenti.

Può sempre succedere che un virus infetti il vostro computer, ma, negli ultimi anni, è piuttosto raro. Se avete dei noiosi pop-up, venite reindirizzati di continuo a siti non richiesti o notate altri comportamenti insoliti, non affrettatevi a scaricare software antivirus che vi promettono di difendervi anche dalle invasioni aliene, di solito sono molto pesanti per il computer e non risolvono il problema. Questi comportamenti non sono infatti dovuti alla presenza di virus, ma piuttosto di adware o, più raramente, di spyware. Quello che dovete fare è scaricare un software per la rimozione degli adware (noi ci troviamo bene con AdwCleaner). Una volta effettuato il download avviate il programma, lanciate una scansione e, una volta terminata, eliminate eventuali minacce trovate. Se ancora non avete risolto il problema potete utilizzare Spybot (qui trovate la versione free). Anche qui installate ed eseguite una scansione.

Il vantaggio di questi software è che non occuperanno molte risorse per monitorare il sistema in tempo reale: potete usarli solo quando ne avete bisogno.

Un consiglio per concludere: per evitare che nel vostro computer entrino elementi non voluti quello che dovete fare è prestare attenzione a dove cliccate (non aprite banner pubblicitari che non conoscete) e a che programmi installate. Spesso in fase di installazione i software che scaricate da internet vi chiederanno di installare anche altri elementi (quando cliccate di continuo “avanti” senza leggere cosa c’è scritto). Controllate questi passaggi e assicuratevi di togliere le spunte a qualunque software aggiuntivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.