Pulizia del computer: teniamo il calore sotto controllo

Siete affezionati al vostro computer? Volete allungargli la vita il più possibile? Se la risposta è affermativa l’unica cosa che dovete fare è prendervene cura. Questo significa, banalmente, che dovete tenerlo pulito. Mantenere il computer libero dalla polvere e da altri detriti aiuterà in modo significativo a mantenere le temperature sotto controllo. Vediamo quindi come occuparcene.

Pulizia hardware dei computer portatili

Pulizia hardware dei computer fissi

Paste termiche

Ogni quanto effettuare la pulizia?

Griglie per il passaggio dell’aria: posizionate il tubicino in corrispondenza delle fessure ed effettuate dei brevi soffi per far uscire la polvere

Pulizia hardware dei computer portatili

Con hardware ci riferiamo a tutte le parti fisiche del computer: quelle che possono essere toccate. Se possedete un computer portatile quello che vi serve è:

  • Alcol denaturato o meglio ancora isopropilico (attenzione: non devono essere profumati, con detergenti, ecc.)
  • Una bomboletta di aria compressa spray
  • Un prodotto specifico per display
  • Un comune panno in microfibra

Sono prodotti che potete trovare facilmente anche al supermercato, costano pochi euro e vi dureranno a lungo.

Ora che avete tutto quel che vi occorre, assicuratevi che il computer sia spento, scollegate il cavo di alimentazione e, se possibile, estraete la batteria. Per prima cosa utilizzate l’aria compressa per pulire la/e ventola/e. Sui lati o dietro al vostro computer noterete delle griglie per il passaggio dell’aria in corrispondenza delle ventole, posizionate lì il tubicino dell’aria compressa e, mantenendo la bomboletta in posizione verticale, effettuate dei brevi spruzzi per far uscire la polvere. Quest’operazione richiede pochi minuti e potete eseguirla spesso, il vostro computer ve ne sarà grato, soprattutto se lo usate spesso a letto oppure sul divano. Usare il computer appoggiato sopra a superfici di tessuto è un’abitudine altamente sconsigliata, ma anche difficile da abbandonare! 

A questo punto potete occuparvi della pulizia delle scocche esterne. Versate poco alcool sul panno in microfibra e poi passatelo sulle scocche senza applicare un’eccessiva pressione. Fate particolare attenzione alla parte della tastiera: dovete evitare che l’alcool filtri dentro al computer, eventualmente potete aiutarvi con l’aria compressa o un cotton fioc (biodegradabile, mi raccomando!) per togliere lo sporco fra i tasti.
Ora manca solo il display. I prodotti per pulirli sono di solito schiume o liquidi che vanno lasciati agire qualche istante e poi rimossi con un panno, vi basterà seguire le istruzioni di quello di vostra scelta e fare attenzione a non spruzzarlo sulle altre parti del computer.

Ventola e dissipatore: cercate di eliminare quanto più sporco possibile dalle pale e tra le lamelle

Pulizia hardware dei computer fissi

Quello di cui avete bisogno:

  • Un set di cacciaviti (spesso basta un comune cacciavite a stella)
  • Una bomboletta di aria compressa
  • Un pennello di setole naturali
  • Un panno in microfibra
  • Se ce l’avete è utile anche un’aspirapolvere a batteria, non usate però il normale aspirapolvere di casa.

Per prima cosa spegnete il computer e scollegate tutti i cavi e i dispositivi connessi. A questo punto, per pulire il vostro computer fisso, avrete bisogno di sfilarne il pannello laterale. Sul manuale o sul sito del costruttore sono indicate le operazioni da eseguire, ma nella maggior parte dei casi si tratta di svitare due o tre viti che tengono il pannello ancorato al case (se avete difficoltà nel farlo potete scriverci nei commenti).

Una volta sfilato il pannello quello che dovete fare è togliere quanta più polvere possibile. Partite dall’alto e procedete verso il basso, alla fine raccoglierete la polvere residua dal fondo del case. Usate l’aria compressa sulle ventole: quella dell’alimentatore è rivolta all’esterno e si trova di solito sul retro del PC, nella parte alta; quella del processore è invece ancorata al dissipatore, che potete riconoscere facilmente dalle caratteristiche lamelle metalliche. Con un oggetto di plastica (ad esempio una penna) tenete ferma la ventola e con la bomboletta in posizione verticale effettuate dei piccoli soffi d’aria. Di solito c’è almeno un’altra ventola, sul retro oppure sul pannello frontale, ad ogni modo sono sempre abbastanza grandi e facilmente individuabili. Ora passate al pennello a setole e usatelo per pulire le altre componenti, fatelo gentilmente, prestando attenzione a cavi e connessioni. Se per praticità decidete di scollegare qualche cavo una buona abitudine è fare una fotografia prima di iniziare, così da avere un riferimento quando dovrete riassemblare.

Una volta eseguite queste operazioni potete usare l’aspirapolvere a batteria oppure un panno per eliminare la polvere che si sarà accumulata sul fondo del case. Infilate nuovamente il pannello laterale e il gioco è fatto.

Paste termiche

Apriamo un capitolo a parte sulle paste termiche: se non siete particolarmente esperti vi suggeriamo di rivolgervi ad un tecnico, se invece avete una certa pratica e siete piuttosto “smanettoni” potete divertirvi in questo compito senza troppi problemi.

Le paste termiche vengono poste tra il processore ed il dissipatore per aumentare la conducibilità termica. Quello che fanno, senza scendere troppo nei dettagli, è aumentarne l’aderenza tra le due componenti eliminando l’aria che rimarrebbe in mezzo. Col tempo queste paste tendono a seccarsi e quando questo avviene le temperature dei computer ne risentono, anche in modo importante. Se avete un computer a elevate prestazioni e lo mettete spesso sotto stress (con giochi o altri software “pesanti”) è bene che programmiate una sostituzione delle paste almeno ogni due anni.

La pasta termica viene venduta in piccole siringhe economiche e sufficienti per due o tre volte. Farete fatica a trovarle nei negozi fisici, ma online ce ne sono in abbondanza. Per sostituirle quello che dovete fare, sia che si tratti di un portatile che di un fisso, è smontare il sistema di dissipazione. Per farlo potete cercare su Google il manuale del vostro computer oppure ci sono molti video su YouTube: cercate il modello del vostro computer assieme alla parola “disassembly” e otterrete diversi risultati.

Una volta smontato dovrete pulire via le paste dalle superfici interessate. Esistono prodotti specifici per farlo ma andrà benissimo anche l’alcol isopropilico. Indossate dei guanti usa e getta per evitare di sporcarvi le mani e rimuovete la pasta vecchia con della carta assorbente bagnata con l’alcol, se necessario potete aiutarvi anche con un cotton fioc. Eseguite quest’operazione delicatamente: movimenti bruschi o pressione eccessiva potrebbero danneggiare le componenti, in particolare il processore! Una volta che le superfici saranno ben pulite e asciutte potete applicare un nuovo strato di pasta. C’è chi preferisce applicarla in piccole gocce, chi in un’unica linea, chi a croce (potete guardare questo video per farvi un’idea). Applicate la pasta come preferite, l’importante è che non sia troppa: per regolarvi considerate che, una volta riposizionato il dissipatore sul processore, la pasta non dovrà fuoriuscire dai bordi.

Dopo aver rimosso la pasta termica le superfici di dissipatore e processore dovranno risultare come in foto

Ogni quanto effettuare la pulizia?

Tenere pulito il vostro computer non è solo una questione estetica, aiuterà anche le prestazioni e la durata del dispositivo. Per questo motivo è utile eseguire una pulizia periodicamente. La frequenza dipende ovviamente da molti fattori: quanto usate il computer? È appoggiato sopra la scrivania o sul tappeto? È portatile o fisso? È enorme o supersottile?

In linea di massima, se avete un portatile e lo usate sporadicamente, potete limitarvi a dare una soffiata alle ventole di tanto in tanto. Se avete un PC fisso una buona abitudine è eseguire una pulizia completa almeno una volta l’anno. In entrambi i casi, se notate che il computer si scalda più del solito o le ventole fanno più rumore, è il caso di programmare una pulizia approfondita. Se non avete modo di eseguirla voi, potete tranquillamente rivolgervi al vostro tecnico di fiducia oppure a noi: con una piccola spesa in mezza giornata avrete il vostro computer pronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.